Vai al contenuto
Accedi per seguire  
Corto Pavese

Le elezioni sono vinte

Recommended Posts

Voila'.

Ho trovato finalmente l'editoriale di Ernesto Galli della Loggia, direi che e' il caso di leggerlo tutto, ma soprattutto le parti evidenziate in rosso.

Il fatto che sia "vecchio" perche' paventa ancora D'alema e' insignificante, ben altre perle ci sono dentro.

Altra puntata di "al peracottismo non c'e' mai limite"... :)

Una scelta responsabile Cosa a questo punto dovrebbe fare D'Alema di Ernesto Galli della Loggia

Massimo D'Alema sembra avviato ormai ad essere il candidato unico del centro-sinistra per l'elezione alla Presidenza della Repubblica, e dunque egli è ormai verosimilmente ad un passo dalla carica più prestigiosa (e forse più dotata di poteri effettivi) del nostro ordinamento istituzionale. Avuto riguardo alle qualità della persona e al significato per così dire storico che la sua elezione non potrebbe non rivestire, si tratta sicuramente di un'ottima scelta. Con D'Alema salirà al Quirinale, infatti, un uomo di temperamento, autorevole e di grande esperienza, conoscitore come pochi del mondo politico e non solo; inoltre la sua elezione segnerà anche la opportuna, definitiva cancellazione dell'antica conventio ad excludendum nei confronti del Partito comunista, che per circa mezzo secolo ha rappresentato la maggiore, ancorché giustificata, anomalia del sistema politico italiano. Ancor più dispiace, dunque, che il giudizio senz'altro positivo sul candidato non possa, però, estendersi facilmente al metodo che sta portando alla sua elezione. Per come è stata costruita e per come si presenta, infatti, la candidatura di D'Alema alla presidenza della Repubblica è una candidatura assolutamente di schieramento, nata all'interno esclusivamente del gruppo dirigente del centro-sinistra, e portata avanti facendo affidamento soltanto sulla maggioranza dell'Unione. Non per nulla l'ex ministro diessino Vincenzo Visco, autonominatosi da qualche giorno capo del comitato elettorale dalemiano, si è detto sicuro di una confluenza di voti della destra sul suo candidato, ma tanto per farsi capire ha subito aggiunto: «Comunque avrà una sua autosufficienza e non cambierà nulla. Andremo avanti comunque». A ulteriore chiarimento dello spirito simpaticamente unitario con cui i sostenitori di D'Alema concepiscono il prossimo appuntamento di Montecitorio sempre lo stesso Visco ha minacciato che qualunque eventuale ostacolo frapposto all'ascesa del Presidente dei Ds «non sarebbe una cosa indolore». Come passare sotto silenzio, poi, l'argomento che si è sentito spessissimo usare in questi giorni, a giustificazione della «non trattabilità» della candidatura D'Alema, e cioè che essa non poteva che essere accettata a scatola chiusa dal momento che «ai Ds bisognava dare pure qualcosa», altrimenti essi avrebbero potuto dare fastidi al prossimo governo Prodi? Cos' altro dobbiamo sentir dire, mi chiedo, per convincerci che il tasso di spregiudicatezza della partitocrazia della Seconda repubblica ha superato, e di gran lunga, quello della prima? A parte ogni questione di opportunità, la dimensione di duro arroccamento politico con cui è stata fin qui portata avanti la candidatura di D'Alema contrasta, tra l'altro, e in modo clamoroso, con il modo con cui l'Unione ha condotto cinque anni di opposizione al governo Berlusconi e con il modo con cui essa si è presentata agli elettori. Si legge infatti alle pagine 12 e 13 del suo Programma elettorale, all'interno di un capitolo significativamente intitolato «Il valore delle istituzioni repubblicane»: «L'attuale maggioranza di governo ha applicato alle istituzioni una logica "proprietaria" (..) il rischio è quello di uno squilibrio che porti alla "dittatura della maggioranza" (..) Per rafforzare le garanzie istituzionali (..) eleveremo la maggioranza necessaria per l'elezione del Presidente della Repubblica, garante imparziale della Costituzione e rappresentante dell'unità nazionale». Anche chi, come chi scrive, non è predisposto a far troppo conto sui programmi elettorali resta tuttavia alquanto sbalordito nel vedere quanto, dopo neppure un mese dalla soffertissima e striminzitissima vittoria elettorale del centro-sinistra, di tutte queste ottime intenzioni in pratica non rimanga in piedi nulla: fino al punto che proprio sulla più delicata forse delle questioni istituzionali, quella della Presidenza della Repubblica, l'Unione potrebbe avviarsi a percorrere la stessa identica prospettiva di «dittatura della maggioranza» appena ieri rimproverata al Polo. Ancora più sbalorditivo è, in questo senso, il silenzio di tomba con cui tutta l'area culturale del centro-sinistra — dai costituzionalisti ai comici, dai politologi e gli storici ai poeti e gli uomini di lettere — che per un quinquennio ci ha instancabilmente ammaestrato sulla concezione illiberale della democrazia fatta propria dalla destra sulla base di un uso spietato del nudo principio di maggioranza, ora taccia intimidita, chiudendo gli occhi sul medesimo uso che del medesimo principio si appresta ora a fare il centro-sinistra. Solo Gianfranco Pasquino, a quel che ho visto, si è provato a difendere il maggioritarismo esasperato che è diventato la bandiera dell'Unione, ma lo ha fatto nel modo più paradossale, e cioè tirando in ballo l'esempio degli Stati Uniti. Modo paradossale, e contraddittorio, dal momento che, come si sa, gli Usa sono così maggioritari proprio perché costituiscono l'incarnazione di quel regime presidenzialista che il centro-sinistra abomina da sempre e che anzi ha instancabilmente rimproverato alla destra di voler introdurre in Italia al posto della, viceversa sempre elogiatissima, «centralità del Parlamento». Dunque una pessima candidatura, pessimamente costruita, per un ottimo candidato. Se non c'inganniamo sulle qualità di Massimo D'Alema lui per primo se ne sta rendendo conto in queste ore. Tra l'altro perché non gli manca una buona memoria, e dunque si ricorda bene di avere avuto pubblicamente a pentirsi del modo del tutto improprio con cui egli stesso «acciuffò» (il termine è suo) il governo nel 1998, così come senz'altro si ricorda bene di come il centro-sinistra ha avuto a pentirsi della esiguissima maggioranza con cui fece approvare con un atto di forza la modifica del titolo V della Costituzione nel 2001. Di sicuro si sta rendendo conto di molte cose in queste ore Massimo D'Alema. Per esempio di come non gli giovi per nulla l'atmosfera di esaltazione vagamente arditistica della sua candidatura quale supposto, sospirato, trionfo della politica «lacrime e sangue» e «pugnal tra i denti», contrapposta agli smidollati e compromissori «poteri forti». E di come ancor meno gli giovano i voti richiesti sottobanco a suo nome dai manipoli dei suoi fedelissimi, e a questi promessi altrettanto sottobanco dai versanti più insospettabili. In conclusione, ci sembra giusto che il presidente dei Ds mantenga la sua candidatura. Ma riqualificandola politicamente: cioè facendone una candidatura in cui possa riconoscersi — pubblicamente, va sottolineato, non dietro le quinte e in modo non trasparente — almeno una parte della leadership del centro-destra, attraverso l'esplicito assenso di qualche suo capo. In caso contrario ci sentiremmo di dargli un consiglio: si ritiri dalla gara. Può sembrare irrealistico ma non lo è: in politica ci sono vittorie più micidiali delle peggiori sconfitte, e ci stupirebbe davvero molto se proprio un uomo della sagacia e della esperienza di D'Alema se ne dimenticasse. 06 maggio 2006

Tutto perfettamente applicabile anche a Napolitano, senonche' forse D'alema meritava effettivamente di piu' dell'attuale PdR

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

giuro che ho sentito ieri in TTVV che l'economia ha ripreso a viaggiare....auzzz per 2 mesi ci hanno detto che ci erano rimaste solo le barbabietole da mangiare :)

bon meglio cosi ....ora la SX puo' mettere da parte il programma sull'economia e sul lavoro ed iniziare a legiferare su cose MOOOOOLTO + importanti come i PACS ......

Modificato da Pirata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in primis bisogna netraulizzare il nano

per far si che non ritorni

per liberare dal berlusconismo le menti degli italiani

pensare che ci siamo già liberati di issu è il trampolino per il suo rilancio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in primis bisogna netraulizzare il nano

per far si che non ritorni

per liberare dal berlusconismo le menti degli italiani

pensare che ci siamo già liberati di issu è il trampolino per il suo rilancio

per forza...e' l'unica cosa che sapete fare , perche' di far funzionare l'italia non se ne parla nemmeno ( visti i precedenti dal 96 al 01 ) :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

per forza...e' l'unica cosa che sapete fare , perche' di far funzionare l'italia non se ne parla nemmeno ( visti i precedenti dal 96 al 01 ) :angry:

Dopo 5 anni di perfezione bisogna fare pure una pausa :lol:

Modificato da SonyaBlade

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in primis bisogna netraulizzare il nano

per far si che non ritorni

per liberare dal berlusconismo le menti degli italiani

pensare che ci siamo già liberati di issu è il trampolino per il suo rilancio

Lo sappiamo che il regime è cominciato: epurazioni, lavaggio del cervello, tutti metodi mediati direttamente dal kgb...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in primis bisogna netraulizzare il nano

per far si che non ritorni

per liberare dal berlusconismo le menti degli italiani

pensare che ci siamo già liberati di issu è il trampolino per il suo rilancio

Gradirei una spiegazione sulla connessione fra questa libera uscita, boutade o come minchia vogliamo chiamarla, e l'articolo di Galli della Loggia.

Di primo acchito sembra un abile tentativo di mirror climbing, ma non si puo' mai dire.

Nel belpaese hanno titolo per parlare anche i Sofri ed i Bompressi, i Negri ed i Caruso quindi non si nega niente a nisciuno, ci mancherebbe.

Si richiede solo di essere sufficientemente esaustivo, perche' vorrei solo evitare di concentrarmi a cercare un nesso pressoche' impossibile.

Ogni delucidazione quindi sara' molto gradita.

Anche le conferme, in fin dei conti, fanno sempre piacere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

eh si ce l'hai proprio con me

del tuo articolo non me ne frega una cippalippa

ora e sempre il nano fuori dai coglioni

aprite gli occhi please, è cosi difficile deberlusconizzarvi??

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

del tuo articolo non me ne frega una cippalippa

ME NE FREGO! Eh si, il fascismo aveva proprio quest'arroganza... tipica della sx odierna...che incarna bene il nuovo fascismo: epurazioni, caccia al berlusconiano, al rogo al rogo...

ora e sempre il nano fuori dai coglioni

Beh, ma lui lontano dai "coglioni" lo era anche prima delle elezioni...

aprite gli occhi please, è cosi difficile deberlusconizzarvi??

Tanto quanto lobotomizzarci...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bond, non fare la vittima.

Io me la prendo solo con una determinata categoria, se tu ultimamente hai deciso di farne parte non so che farci.

Non continuare a zigzagare che poi ti viene il maldimare (se preferisci, torna sulla retta via... :) )

Anzitutto quell'articolo non e' "mio", dopodiche' penso sorga spontaneo un dubbio del genere

Poi e' ovvio, mooooolto ovvio, che di queste cose non te ne freghi niente e fossi in te paventerei una visitina dall'oculista per rimuovere quell'architrave cosi' fastidiosa.

Per l'ennesima volta, dato che sembra di cosi' difficile comprensione, a me del nano non puo' fregar di meno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

per conto mio quando ci sara' un altro al posto del Berluska che riesce ad amalgamare il 50 % di elettori del CDX ben venga , avra' il mio voto.......ma per ora questo c'e'e questo ci teniamo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ma scusa tutto l'articolo è costruito intorno alla candidatura di D'Alema.... dal momento che è stata ritirata ANCHE per l'opposizione totale della destra (nonchè mia personale, non che conti ^^) e sostituita con quella, più condivisa, di Napolitano, il tutto viene a cadere... fosse vero quello che dice GDL a quest'ora avremmo d'alema al quirinale a fare il gesto dell'ombrello al Berlusca, invece abbiamo una persona dal passato istituzionale ineccepibile, molto meno uomo di partito di d'alema.

Domanda: avesse vinto la destra, chi avremmo adesso come presidente della repubblica?

Rispondere con ipotesi realistiche a questa domanda dovrebbe mettere in luce le differenze tra dx e sx.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Domanda: avesse vinto la destra, chi avremmo adesso come presidente della repubblica?

ciampi.

che poi napolitano sia uno che dal passato istituzionale ineccepibile e bla bla bla lo dimostra il consenso di an e udc.

però eleggendone uno con i soli voti della sinistra senza ricercare una candidatura condivisa, si autorizza forza italia a continuare a bofonchiare, e crea un pericoloso precedente per quando, fra 7 anni, una maggioranza diversa potrebbe voler candidare silvio.

avrei preferito un monti o un amato, con una sinistra che si erge a modello virtuoso di ricerca del consenso come promesso in campagna elettorale, anche se avrebbe peccato di ingenuità, avrebbe agito contro il proprio interesse, sarebbe scesa a patti con quei delinquenti, e via dicendo.

Modificato da Tersite

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

dici che avrebbe accettato un secondo mandato per non lasciare il quirinale a un qualche dipendente di Mediaset?

secondo me sì

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ma scusa tutto l'articolo è costruito intorno alla candidatura di D'Alema.... dal momento che è stata ritirata ANCHE per l'opposizione totale della destra (nonchè mia personale, non che conti ^^) e sostituita con quella, più condivisa, di Napolitano, il tutto viene a cadere... fosse vero quello che dice GDL a quest'ora avremmo d'alema al quirinale a fare il gesto dell'ombrello al Berlusca, invece abbiamo una persona dal passato istituzionale ineccepibile, molto meno uomo di partito di d'alema.

Risposta come da quote

Voila'.

Ho trovato finalmente l'editoriale di Ernesto Galli della Loggia, direi che e' il caso di leggerlo tutto, ma soprattutto le parti evidenziate in rosso.

Il fatto che sia "vecchio" perche' paventa ancora D'alema e' insignificante, ben altre perle ci sono dentro.

Confermo, tutte le perle contenute sono valide anche per Napolitano, perche' non gode del largo consenso della dx.

Rileggi il programma elettorale dei prodiani, vedrai che poi le differenze ti sembreranno insignificanti.

Ah, se la dx rivoleva Ciampi e nessun altro otteneva una certezza, una scheda bianca in piu' alle prossime elezioni, quando candidando Pera avrebbe ottenuto molto di piu', riforme comprese.

Ci proveremo alla prossima tornata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ma scusa tutto l'articolo è costruito intorno alla candidatura di D'Alema.... dal momento che è stata ritirata ANCHE per l'opposizione totale della destra (nonchè mia personale, non che conti ^^) e sostituita con quella, più condivisa, di Napolitano, il tutto viene a cadere... fosse vero quello che dice GDL a quest'ora avremmo d'alema al quirinale a fare il gesto dell'ombrello al Berlusca, invece abbiamo una persona dal passato istituzionale ineccepibile, molto meno uomo di partito di d'alema.

Domanda: avesse vinto la destra, chi avremmo adesso come presidente della repubblica?

Rispondere con ipotesi realistiche a questa domanda dovrebbe mettere in luce le differenze tra dx e sx.

leggo solo ora : la destra ha fatto opposizione pure a Napolitano eppure la sinistra lo ha eletto quindi poteva farlo pure con Dalema . Allora la risposta molto semplice su chi ha fermato Dalema e' ??????

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

leggo solo ora : la destra ha fatto opposizione pure a Napolitano eppure la sinistra lo ha eletto quindi poteva farlo pure con Dalema . Allora la risposta molto semplice su chi ha fermato Dalema e' ??????

opposizione molto meno dura... su d'alema erano più o meno tutti contro, per napolitano hanno dovuto litigare parecchio prima di decidere per la scheda bianca.

Nella mia ingenuità non so che risposta ti aspetti alla tua domanda. Secondo me Silvio ha dato una grossa mano a Prodi rifiutandosi di votare D'Alema, su cui non c'era un grande consenso nemmeno a sinistra. L'opposizione dura della destra ha permesso a Prodi di fare bella figura ritirando la candidatura del baffino per presentare una figura di ben altro profilo istituzionale come Napolitano. Un'occasione persa per la destra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...
Accedi per seguire  

×
×
  • Crea Nuovo...