Vai al contenuto
JackShepard

C'era una volta a...Hollywood

Recommended Posts

era-una-volta-hollywood-film-attesi-autunno-2019-orgoglio-nerd.jpg.aff6374491156ad3e5ab2d1c90fda477.jpg

 

Secondo me bel film.

Attori tutti in formissima, a partire dai protagonisti fino ad arrivare a quelli che fanno cameo da un minuto.

Dialoghi sempre ineccepibili.
I personaggi di Brad Pitt (soprattutto) e DiCaprio molto riusciti, alla Sharon Tate di Margot Robbie si vuole bene dopo pochissimi minuti.

Due-tre scene magistrali (l'arrivo di Pitt alla comune; DiCaprio che recita bene la parte del cattivo sul set; tutto il finale).

Il film è lento, molto lento.
L'intreccio si potrebbe riassumere in due righe, tant'è che nel film succede pochissimo. Sono più di due ore in cui si viene calati nell'atmosfera della Hollywood fine anni '60, si vive la nostalgia, per quegli anni lì, ci si affeziona ai personaggi e alle loro speranze per il futuro.

 

Tarantino riprende una visione e un percorso che già aveva iniziato ad esplorare in Bastardi Senza Gloria,

Spoiler

 cioè cambiare la Storia, per far vincere i buoni, ed uccidere i cattivi nella maniera più catartica e liberatoria possibile, davanti agli occhi dello spettatore.

Questa svolta mi è piaciuta molto. E'un tocco di classe ed è ben fatta.

Un dubbio che ho è quanto può apprezzare il film uno spettatore che non sa nulla della storia di Sharon Tate. Non serve sapere i dettagli (anche se guardando poi su Wiki ho scoperto che molte frasi recitate nel film dalla gang di Manson, sono state pronunciate veramente), ma senza sapere a priori di Manson e dell'omicidio il film perde un sacco di forza secondo me.

A parte questa conoscenza pregressa, il film poi è pieno zeppo di citazioni di attori, film, registi di nicchia degli anni 50-60, che solo Tarantino e gli appassionati come lui possono cogliere. Ma quelle non servono per godersi il film, servono solo a dare contesto e un po' di brio.

 

Ho letto qualche recensione che critica a Tarantino il fatto che da questo film sembra essere diventato un vecchio reazionario del tipo "si stava meglio quando si stava peggio, ile nuove generazioni hanno rovinato tutto". Non lo so, io non ho sentito questo discorso così forte durante la visione, non mi è parso che il film volesse arrivare a comunicare questo.
Proverò a rivederlo il prima possibile, finché al cinema, magari poi cambio opinione su certe cose. Queste sono le prime impressioni a caldo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mah, per me Tarantino ormai ha rimasto ben poco da dire. Il film si lascia guardare (al contrario di quella porcheria di hateful8), ma grazie quasi esclusivamente alla "operazione nostalgia", agli attori che ci mettono del loro (soprattutto DiCaprio che riesce a fare il fenomeno anche con un personaggio di per sé insignificante), e a qualche scena azzeccata... che però ahimé sono sempre meno rispetto al passato (non c'è nulla che si avvicini, che so, alla fantastica scena iniziale di bastardi senza gloria o a scene come quelle del ku klux klan e del monologo di DiCaprio in django). I dialoghi sono molto meno brillanti degli altri film di Tarantino e anche il finale dai, è abbastanza deludente: tutto già visto come dice anche Jack nello spoiler.

 

C'è però da dire che la famiglia manson e l'eccidio di cielo drive per noi sono fatti di cronaca di cui abbiamo letto o sentito parlare vagamente. In America ebbero invece un impatto mediatico abnorme, è chiaro che là tutta la parte nella comune e la preparazione del finale abbiano un'emotività completamente diversa da quella percepita da noi.

Modificato da Ronnie Rava

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io mi sono divertito tantissimo. 

La lentezza é un godimento, fino alla accelerata finale. 

Io la storia di manson la conoscevo, ma mi sono riletto l'articolo del post a riguardo che contiene molti dettagli utili che si ritrovano nel film. 

L'articolo non è uno spoiler perché è di qualche anno fa 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Ronnie Rava se non l'hi già fatto, concedi una seconda visione a Hateful.
Sapendo già la trama e non concentrandoti su quella, vedrai che ti appassioni di più al carisma dei personaggi, ai dialoghi, all'atmosfera, alle piccole cose...
Con me almeno ha funzionato e l'ho rivalutato un sacco rispetto alla prima visione, è molto figo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Confermo, Django una porcheria. Solo due cose salvo. La scena della cena, fatta in un unico piano sequenza (pare che Di Caprio si sia ferito davvero e abbia continuato a girare, dando anche un po' di realismo che non guasta) e la musica di Trinità. Il resto da dimenticare.

 

Hateful non è un capolavoro, e forse è realmente troppo lento, ma è un film onesto, godibile, e in fondo se la Christie si fosse ubriacata, avrebbe potuto scrivere una cosa del genere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

2 minuti fa, Apolide dice:

Confermo, Django una porcheria. Solo due cose salvo. La scena della cena, fatta in un unico piano sequenza (pare che Di Caprio si sia ferito davvero e abbia continuato a girare, dando anche un po' di realismo che non guasta) e la musica di Trinità. Il resto da dimenticare.

 

Bah, ci sono altre scene azzeccatissime (come quella già citata del Ku Klux Klan) e dialoghi brillanti di cui negli ultimi due film non c'è traccia.

Inoltre non limiterei il personaggio di Di Caprio alla sola cena, per me è fantastico in tutte le scene in cui appare.

Diciamo piuttosto che il film si regge unicamente sui personaggi di DiCaprio e Waltz: una volta usciti di scena loro, da quel momento si che per l'ultima mezz'ora diventa una vera porcheria.

Fino ai fantastici titoli di coda. :heart:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me "porcheria" o "film più brutto che abbia mai visto al cinema" non possono stare sulla stessa riga di "Tarantino".

Ci stanno le critiche a film che sono piaciuti di meno, ma non esageriamo, sono SEMPRE esperienze uniche e speciali, è uno dei pochi registi in grado sempre di portarti nel suo mondo, senza compromessi.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

29 minuti fa, Ronnie Rava dice:

 

Bah, ci sono altre scene azzeccatissime (come quella già citata del Ku Klux Klan) e dialoghi brillanti di cui negli ultimi due film non c'è traccia.

Inoltre non limiterei il personaggio di Di Caprio alla sola cena, per me è fantastico in tutte le scene in cui appare.

Diciamo piuttosto che il film si regge unicamente sui personaggi di DiCaprio e Waltz: una volta usciti di scena loro, da quel momento si che per l'ultima mezz'ora diventa una vera porcheria.

Fino ai fantastici titoli di coda. :heart:

 

Non mi ricordo precisamente tutto il film per poterne parlare con consapevolezza. Ricordo il profondo senso di delusione. E che mi colpì solo quella scena.

 

6 minuti fa, Mist dice:

Secondo me "porcheria" o "film più brutto che abbia mai visto al cinema" non possono stare sulla stessa riga di "Tarantino".

Ci stanno le critiche a film che sono piaciuti di meno, ma non esageriamo, sono SEMPRE esperienze uniche e speciali, è uno dei pochi registi in grado sempre di portarti nel suo mondo, senza compromessi.

 

Ma va inteso in senso relativo, comparativo con altri suoi film. Non in assoluto.

 

Concordo assolutamente sulla parte in neretto. Ed è per questo che andrò comunque a vedere questo film, anche se, per assurdo, tutti mi dicessero che non ne vale la pena.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'ho visto ieri.

Condivido largamente l'opinione di Jack.

Il film è praticamente senza trama, racconta solo l'amicizia e un qualche anno della vita dei due protagonisti, che sono così ben caratterizzati, e recitano così bene, da reggere il film da soli.

Sono d'accordo con Jack anche sulla scena alla comune.

Non lo definirei lento però, ma lungo. Il film scorre senza mai essere pesante. E spesso strappa una risata.

Non è un capolavoro, ma è un film onesto.

Apprezzate le tantissime citazioni non solo ai film americani (quella di McQueen su tutte) ma anche ai film italiani.
Il finale mi è piaciuto.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...

×
×
  • Crea Nuovo...